L'Altra Riviera – Le Valli tra Finale Ligure e Bergeggi

L'Altra Riviera – Le Valli tra Finale Ligure e Bergeggi
File Size:
3.12 MB
Date:
09. Ott 2018
Downloads:
1498 x

Le Manie e la Val Pora: era un mare tiepido e tropicale e migliaia di organismi calcarei depositavano gusci e scheletri sul fondo di quelle acque preistoriche. Scheletri e gusci che divennero roccia, la pietra di Finale, un calcare chiaro che l’orogenesi alpina innalzò ben sopra al livello del mare. Oggi il fondo di quell’antico mare forma le colline, l’altopiano, le caverne e le pareti rocciose che rendono meraviglioso e tanto celebre il Finalese. L’altopiano delle Manie e la val Pora sono una regione rimasta intatta e selvaggia pur a brevissima distanza dalla costa: la macchia mediterranea profuma l’aria e nel verde fanno capolino antichi borghi agricoli circondati da vigneti e olivi; le pareti verticali di calcare chiaro richiamano arrampicatori da tutto il mondo e il clima mite permette loro di affrontare la sfida con la roccia in tutte le stagioni dell’anno; fra i boschi e le rocce si aprono grotte dove si custodiscono le tracce della più antica preistoria ligure. Questo è un angolo di mondo più unico che raro e non è un modo di dire: non ci sono altre Manie lungo la costa del Mediterraneo. Valli Bormida di Màllare e di Pàllare: così dovevano essere l’Italia e l’Europa almeno sino al Medioevo, come sono ancora oggi le due valli della Bormida minori. Un susseguirsi di foreste maestose dove a faggi giganteschi si alternano i castagni e lungo le rive dei piccoli laghi crescono salici e ontani. Foreste abitate da cinghiali, caprioli, falchi, e popolate da piccoli villaggi contadini dove il viandante e il pellegrino trovavano ospitalità, cibo e riposo. Oggi i viandanti si spostano per lo più in auto, ma l’ospitalità, il cibo, il riposo e le foreste sono rimasti quelli di un tempo. Valle Bormida di Millesimo: una delle numerose valli Bormida che formano l’ossatura dell’Appennino savonese è quella di Millesimo, geograficamente e storicamente legata al Piemonte. L’aria del Piemonte si sente nei dialetti, nella cucina, nelle tradizioni sportive; un’aria piemontese che si amalgama perfettamente con il profumo del mar Ligure che sale dal crinale di spartiacque, portato dal marin, il vento di mare salmastro e tiepido, che dà quel particolare profumo ai funghi di questa valle. 

 
 
 
Powered by Phoca Download